Personal Mentoring| Seminario 5 | Laboratorio del fare arte

Creeremo e percorreremo un mandala. Uno spazio fisico e non solo fatto di modi, oggetti, gesti, movimento, meditazione, suoni e colore per innescare il flusso creativo. Un gioco tra la nostra esperienza interiore e il mondo fisico per allenarsi a far emergee costantemente la creatività in tutti i gesti, le parole e i pensieri della nostra quotidianità.

La nostra vita è la nostra più grande opera d’arte.

sabato 16 dalle 14,00 alle 17,00 presso Artè Centro Yoga info e prenotazioni info@spazioayurvedico.com cell.331 6494949

Pedagogia del cibo – Ahar e Anna Yoga

Personal Mentoring | Seminario 4| Pedagogia del cibo


sabato 16 febbraio dalle 13.00 alle 16.30
Presso Associazione Artè – Centro Yoga Milano

Continua il percorso esperienziale attraverso la conoscenza di alcuni dei principi dell’Ayurveda e dello Yoga questa volta approfondendo il tema dell’alimentazione. Tutti noi abbiamo oggi più che mai bisogno di alcuni riferimenti per gestire in maniera ottimale una delle fondamentali sfere della nostra quotidianità. Secondo l’Ayurveda per sapere cosa mangiare bisogna conoscere prima di tutto la propria costituzione fisica (prakruti) in modo da stabilire ciò che è più adeguato alla nostra natura e per l’Ayurveda non siamo tutti uguali. Conoscere la propria costituzione sarà il primo passo per approfondire un tema così fondamentale. Poi parleremo di energia e caratteristiche degli alimenti, forniremo tabelle e supporti per riconoscere ed orientarsi. Ci saranno inoltre preziosi consigli pratici su come preparare alcuni alimenti e pietanze in accordo con stagione e la salvaguardia dei nutrienti, uso e conoscenza delle spezie, …

Vi aspettiamo sabato 16 febbraio 2019 alle ore 13.00, presso Artè Milano (Via Meda 25) per parlare di Pedagogia del Cibo.

Per informazioni o prenotazioni: info@spazioayurvedico.com o 331/6494949 (anche via whataspp o sms)

Stile di vita giornaliero nell’Ayurveda e nello Yoga (Dinacharya e Sadhana)

sabato 13 ottobre
ll primo di sei seminari, piccolo percorso esperienziale di accompagnamento alla conoscenza di alcune pratiche ayurvediche e yogiche da condurre quotidianamente ed introdurre nel proprio stile di vita.
Impariamo ciò che ci può far star bene!
dalle 9.30 alle 13.00
Presso Associazione Artè, via Meda, 25 – 20138 Milano –
Costo 40 euro

Per partecipare scrivi a Spazio Ayurvedico
info@spazioayurvedico.com oppure via telefono o whatsupp 3316494949

Vi aspettiamo!

Per approfondire i contenuti sull’intero corso Personal Mentoring
www.spazioayurvedico.com

Corso formazione personale Personal Mentoring

Personal Mentoring
Percorso di autoconoscenza e di crescita evolutiva personale attraverso la medicina ayurvedica, lo yoga, la medicina tibetana, le scienze alimentari e specifiche tecniche energetiche.
Sapienze che possono essere oppotunamente calibrate in maniera sinergica per dare risposte concrete ai disequilibri del corpo, della mente e dello spirito.

Moduli

1 Stile di vita giornaliero nell’Ayurveda e nello Yoga(Dinacharya e Sadhana)
2 Yoga nella terapia Ayurvedica
3 Pedagogia del cibo (Ahar e Anna Yoga)
4 Massaggio ayurvedico ed auto-trattamento
5 Arte come terapia(Mandala e Yantra)
6 Mind & Soul opener
(Percorso esperienziale e teorico sulla risoluzione dei conflitti arcaici)

Presso Associazione Artè, via Meda, 25 – 20138 Milano – Tel 02 58113382

Date
13/10/2018 9.30 – 13.30
17/11/2018 9.30 – 13.30
12/01/2019 9.30 – 13.30
16/02/2019 9.30 – 13.30
16/03/2019 9.30 – 13.30
20/04/2019 9.30 – 17.30

Costo del percorso € 250
Corso del singolo modulo € 40 ( il costo dell’intera giornata del 20/04 sarà 65€)
Tessera associativa ARTE’ € 10 all’anno

Antonia, Elena, Sem, Andrea
Team di Spazio Ayurvedico +39 331 6494949
info@spazioayurvedico.com

L’AYURVEDICA RILUTTANTE (ANTONIA)

Sono passati ormai 6 anni da quando ho incontrato l’Ayurveda.

Prima di allora associavo a questa parola diverse connotazioni carpite in modo superficiale: pratiche con erbe, massaggi non estetici, riti di pulizia e yoga. Tutte avvolte da questa aura hippie e new-age che non mi faceva sentire a mio agio.

Io donna pragmatica, laureata nell’università economica per eccellenza non potevo rimanere “coinvolta” in questi riti alternativi! Che figura avrei fatto! O sei business woman o sei alternativa…le due cose insieme non sono compatibili, pensavo…

Ma nel 2012 ho incontrato Sem ed Elena e da lì ho compreso molte cose che finora avevo ignorato sull’Ayurveda ed anche su di me…

Parto con l’Ayurveda (più facile).

Ho scoperto che l’Ayurveda è un complesso ed armonico mix di elementi che hanno 3 fini ultimi talmente nobili che mi chiedo perché non sia ancora riconosciuta come medicina ufficiale (ma lì apriremmo il grande capitolo degli interessi economici farmaceutici…).

I 3 fini sono:

  • Insegnare ad ogni essere a vivere bene nel quotidiano con pratiche semplici, non costose e veloci.
  • Intervenire su disturbi comuni ed anche peculiari attraverso medicinali, massaggi, esercizi non invasivi e che hanno la capacità di risolvere il problema curandone l’origine, non la manifestazione esteriore.
  • Agire sul quotidiano per migliorare la qualità della vita in ogni fase dell’uomo ed in previsione dell’età matura, dove ognuno auspica serenità fisica e mentale.

L’Ayurveda però va affrontata attraverso una Guida esperta e consapevole che ti faccia orientare nel modo giusto verso la terapia ideale per il tuo stato fisico e per la tua costituzione.

Per diventare Guida esperta, ho scoperto, servono tanti anni di studio, sperimentazione, pazienza e la volontà e la capacità di “ritagliare” su ogni singolo paziente un percorso preciso di benessere. Ogni essere ha una cura peculiare e il terapista vive con la missione di individuare quella perfetta!

Il terapista capace sai individuarlo quando, prima di consigliarti qualsiasi terapia, passa minuti se non ore a conoscerti.

E per chiudere questa mia testimonianza (e qui viene la parte difficile…!) l’ayurveda mi ha insegnato anche 3 cose su di me:

  • Io sono molto di più delle mie etichette lavorative, familiari e sociali. Sono un grande e complesso intrico di conoscenze pratiche e teoriche e non posso accontentarmi di qualcosa già pronto. Devo crearmi la mia unica, intrigante e luminosa etichetta personale!
  • La vita mi propone nuove “avventure” ogni giorno. Solo io posso intercettarle e coglierne il meglio.
  • Il disturbo fisico nasce sempre da un malessere interiore. Intercettare questo malessere è il primo passo verso la guarigione.

Spero che questo mio racconto sia utile a qualche altro ayurvedico riluttante come me.

Buona Ayurveda!

DARE E RICEVERE il massaggio ayurvedico (Elena)

Il massaggio ayurvedico non è una cosa che può essere attribuita alla conoscenza della semplice tecnica, per quello che io so fallibile e opinabile sempre. Come tutte le cose che possono andare nel profondo della persona, il livello tecnico è solo la possibilità di applicare la conoscenza, e se solo là che si ferma, è riduttivo della possibilità di esplorare l’animo umano e di mettersi a disposizione delle infinite possibilità di incontrare (l’) altro al di là di se stessi.

Ayam Me Hasto Bhagwan
Ayam Me Bhagavattara
Ayam Me Vishwa Bheshajo
Ayam Me Shivaabhi marshanah
Om shanti shanti shanti
(Rig Veda)

Entrambe le mie mani sono divine.

Possono portare prosperità.

Possono dare un effetto calmante. Inoltre, sono potenti di più di essere semplicemente divino.

Tutte le medicine per le malattie del mondo si trovano nelle mie mani.

Il tocco delle mani è capace di benessere e guarigione.

Durante un massaggio la mano che scorre sul corpo di una persona può avere un tocco divino se questa con grande consapevolezza, attenzione, rispetto e cura si mette a disposizione di chi riceve e delle forze che sono al di là di sè.

Quando quindi si entra nel flusso delle sensazioni e delle percezioni reciproche fino ad oltrepassarle (sublimarle), si accede al vero e proprio “campo della guarigione” dove tutto in questo modo può essere trasformato. É il campo delle energie e delle forze che noi non possediamo, ma alle quali possiamo accedere donandole all’altro. Esse attivano nella persona che riceve le proprie risorse necessarie al cambiamento.

Poi alla fine di un trattamento mi chiedo: chi riceve e chi dà?

Wellness Weekend di Yoga e Ayurveda

Conosci e Cura Te Stesso

in collaborazione con L’Altra Medicina Magazine

dal 4 al 6 MAGGIO
Benessere  e salute con Yoga ed Ayurveda ad Igea Marina presso l’ Hotel Luxor Veg.
Massaggi ayurvedici, incredibili pasti vegani preparati dalla Chef Barbara Bianchi (co-autrice del libro “Ayur-vegan”), meditazione, yoga e seminari sulla “cura di sè”.

Ecco il programma:
– Due pernottamenti con sistemazione in camera doppia
– Pensione completa (2 cene, 2 pranzi,  frutta e tisane tutto il giorno,…) cucina vegana, ayurvedica e biologica
– Due massaggi con oli medicati a seconda della propria costituzione fisica
– Due classi di yoga Cikitza (terapeutico) e una serata di rilassamento condotto con le Campane tibetane
– Due seminari esperienziali sui temi dell’alimentazione ayurvedica e naturale e conoscenza della propria costituzione fisica
Quota di partecipazione 445 € a persona

Per maggiori informazioni contattare:
cell. 334/9901801
info@spazioayurvedico.com

Rasajana, ovvero fermiamo il tempo

di Andrea Fugazza

Nella medicina tradizionale indiana, si utilizza il termine Rasayana per indicare il fenomeno di trasformazione attraverso il quale il corpo inverte i processi degenerativi e ne favorisce invece quelli rigenerativi. Tali processi si possono facilmente individuare nelle diverse fasi di invecchiamento cellulare e tissutale a cui il corpo viene sottoposto anche a causa di stili di vita scorretti e nelle alterazioni funzionali dei diversi sistemi e apparati.

Nella filosofia Vedica esiste un concetto fondamentale che esprime l’idea di forza vitale incarnata, il Prana. Il Prana è l’incarnazione o la trasmutazione di quello che viene chiamato energia universale, un campo esteso di forza vitale intelligente, che organizza e sostiene tutto ciò che esiste.

Nel corpo si esprime come una forma di potenza, in grado di svolgere tre funzioni basilari: organizzatrice, protettiva e curativa. Nella funzione di organizzazione la potenza del Prana si attiva fin dal momento del concepimento per organizzare la differenziazione cellulare e lo sviluppo embrionale, mantenendo un ordine morfologico nei tessuti per tutta la durata della vita.

Nella funzione di protezione del Prana, quando le forze condizionate entrano nel sistema corpo-mente, la potenza agisce in maniera tale da proteggere il sistema dai loro effetti. Inizialmente confina queste forze condizionate in un’area del corpo localizzata, in modo da poter minimizzare i possibili danni al sistema.

 

Nella funzione di guarigione, in condizioni ottimali, la potenza attiva un processo di guarigione e si comporta in maniera tale da risolvere le forze condizionate e i loro effetti sul sistema, mentre il sistema si approfondisce nel cambiamento olistico e in uno stato di equilibrio.